Morto padre Felice D'Onofrio, il medico diventato frate

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Docente alla Federico II, poi scelse la vita religiosa
Docente alla Federico II, poi scelse la vita religiosa

(ANSA) – NAPOLI, 30 DIC – Dopo una vita spesa in corsia e
all’insegnamento alla facoltà di medicina dell’università
“Federico II” di Napoli nel 1985 decise di diventare frate
cappuccino e poi sacerdote nel 1989, ordinato dall’allora papa
Giovanni Paolo II. Padre Felice D’Onofrio è morto oggi a Napoli
a 95 anni: gli ultimi della sua vita li ha dedicati alle
confessioni e all’attività di perito medico della Congregazione
per le cause dei santi. Professore ordinario a Medicina, autore di oltre 370
pubblicazioni e di 15 monografie, è stato collaboratore di
“Campania Serafica”, periodico dei frati Cappuccini, di cultura
e francescanesimo. Ha collaborato con l’Osservatore Romano,
pubblicando diversi articoli su problemi di bioetica, su san
Giuseppe Moscati e sul beato Geremia da Valacchia. Fino a quando le forze lo hanno sostenuto, padre D’Onofrio
trascorreva numerose ore della giornata a confessare nella
chiesa del Gesù Nuovo. Il suo confessionale era poco lontano
dall’altare dedicato a San Giuseppe Moscati, il medico santo di
Napoli di cui era particolarmente devoto. Nel 2018 si era ritirato nella Casa del Clero a Capodimonte,
la struttura che accoglie i sacerdoti anziani della diocesi di
Napoli, assistito dalle suore e da don Salvatore Ardesini. Le esequie si terranno domani a Napoli. Cordoglio per la
scomparsa di padre D’Onofrio è stato espresso dal Dicastero
delle Cause dei Santi con un messaggio del sotto segretario,
padre Boguslaw Turek. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.