Chiude dopo 25 anni a Roma storica libreria Odradek

I titolari, 'non più sostenibile economicamente e umanamente'
I titolari, 'non più sostenibile economicamente e umanamente'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 DIC - Natale amaro per Odradek, storica libreria di Roma in via dei Banchi Vecchi, a due passi da piazza Navona e Campo de Fiori: dopo 25 anni, il 6 gennaio, cesserà l'attività perché i costi, "economicamente e umanamente", non sono più sostenibili. L'annuncio arriva dagli stessi titolari, con un post su Facebook. "Quest'anno è stato il tracollo, con incassi giornalieri sotto i 300 euro" scrivono Katia e Davide elencando i numeri "implacabili" del 2022: "9mila euro di incassi mensili in Libreria equivalgono a 2.700 euro di guadagni (il 30% di media è il guadagno sui libri). Con 2mila euro di affitto non rimane nulla. In agosto abbiamo incassato 4mila euro contro i 6.500 dell'anno precedente, a settembre incassiamo 6.500 euro contro i 10.700 del 2021. Tutti i mesi registriamo un calo del fatturato di duemila euro". E questo nonostante la libreria, rivelano, loro stessi, sia stata anche aiutata. "Le istituzioni nazionali, con i contributi alle Biblioteche per l'acquisto nelle librerie indipendenti; la Regione Lazio, con i bonus per progetti culturali a decine di librerie, e il sostegno di privati cittadini che ci hanno permesso di pagare ricevute bancarie di diecimila euro nel mese di agosto". Contributi che però "non sono stati sufficienti a invertire la tendenza". I motivi sono diversi. "Sempre meno lettori entrano in libreria, muoiono anziani e accaniti lettori e non c'è il ricambio. Le nuove generazioni non vivono più nella 'civiltà della carta'. Il libro non scomparirà, ma non è più l'unico strumento di alfabetizzazione. Lo sviluppo delle reti rende sempre più complicata la costruzione di progetti economici sostenibili intorno al Libro". E poi "c'è tutta una situazione economica sociale che ci preoccupa. E dunque dobbiamo evitare di rimanere incastrati nei debiti". Dal 27 dicembre al 6 gennaio ci sarà la svendita totale di tutti i libri rimasti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Medio Oriente: l'Iran lancia droni e missili verso Israele

Guerra in Ucraina: Berlino invia Patriot a Kiev, aumentano i bambini uccisi negli attacchi

Medio Oriente: Pasdaran sequestrano nave "legata a Israele"