EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Rifiuti: Roma, 20 sindaci Lazio dicono no al termovalorizzatore

Chiesto incontro urgente a Gualtieri
Chiesto incontro urgente a Gualtieri
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 23 DIC - I 20 Sindaci dell'area Sud della Provincia di Roma, dei Castelli Romani, del Litorale e del Pontino, che rappresentano un territorio di 650 mila cittadine e cittadini, dicono NO al termovalorizzatore e richiedono un incontro urgente al primo cittadino di Roma, Roberto Gualtieri, in qualità di Commissario Straordinario per il Giubileo. Nella lettera, firmata anche da Massimiliano Borelli, sindaco di Albano, inviata a Gualtieri, gli amministratori esprimono infatti "una profonda preoccupazione per le notizie relative al potenziale impianto di Termovalorizzazione, previsto nel Piano dei Rifiuti di Roma e, soprattutto, sulla sua localizzazione. Le procedure attivate portano alla determinazione che l'impianto verrà realizzato nell'area di Santa Palomba, al confine con le Città di Albano, Ardea, Ariccia e Pomezia, nelle immediate vicinanze di numerose comunità che abitano in quell'area e che compongono un ampio bacino di Comuni. Il Piano dei Rifiuti di Roma Capitale, sebbene atteso da molti come strumento necessario per risolvere l'annoso problema, ha creato enormi preoccupazioni in tutti i nostri territori, in particolar modo nell'ubicazione del sito e nella inevitabile volontà di non rispettare le indicazioni europee sul raggiungimento della raccolta differenziata nella Capitale, che oggi si aggira sotto al 45%, al contrario delle attività svolte nei nostri territori che, con la preziosa collaborazione dei cittadini, ha superato la soglia del 65% richiesta, arrivando addirittura, in alcuni casi, a oltre l'80%. Queste e altre perplessità, sono state ampiamente rappresentate, mediante puntuali osservazioni, durante la procedura di Vas ma, in maniera poco qualificante, non sono state minimamente prese in considerazione e valutate né nella fase istruttoria, né nell'atto finale". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudafrica al voto: elezioni legislative ad alto rischio per l'Anc, il partito di Mandela

"All eyes on Rafah", in milioni condividono l'immagine AI sui social dopo le stragi alle tendopoli

Elezioni europee: Euronews intervista Anders Vistisen, spitzenkandidat di Identità e Democrazia