EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Frode su bonus facciate, arrestato imprenditore a Bari

Nel giugno scorso un primo sequestro di 140 milioni di euro
Nel giugno scorso un primo sequestro di 140 milioni di euro
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 23 DIC - Il 49nne imprenditore edile di Bari, Alessandro Trerotoli, è stato arrestato in seguito ad un'ordinanza di applicazione della misura cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Bari, nell'ambito di un'inchiesta su una maxi-truffa legata al 'bonus facciate'. L'uomo, che si trova ai domiciliari, è accusato a vario titolo di emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, indebita compensazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita. Nel giugno scorso era stato disposto nei confronti dello stesso imprenditore anche un sequestro preventivo per 140 milioni di euro ritenuti l'illecito profitto ottenuto dalla cessione di presunti crediti di imposta fittizi per il 'bonus facciate'. Secondo l'accusa sarebbe stato creato "un circuito fraudolento volto alla creazione, circolazione, monetizzazione e utilizzo in compensazione di crediti d'imposta inesistenti" per lavori edili su facciate, in realtà mai eseguiti, ritengono gli investigatori. Anche i successivi cessionari che hanno acquistato gli "ingenti crediti d'imposta" direttamente dall'imprenditore indagato sono risultati "privi di una capacità reddituale e finanziaria adeguata per sostenere un, rilevante esborso monetario". Oltre al primo sequestro di 140 milioni nell'ottobre scorso è stato eseguito un secondo provvedimento preventivo. Dopo altre verifiche dei finanziari, infatti, sarebbe emerso che l'ex moglie dell'indagato avrebbe ricevuto denaro proveniente dalla monetizzazione di parte dei crediti inesistenti, "impiegando talune delle liquidità così ottenute nell'attività economica di una srl con sede a Lecce, avente per oggetto la fabbricazione di articoli elettromedicali". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera

Piano Ruanda, l'Austria elogia il Regno Unito: insieme per modificare il sistema legale europeo

Elezioni europee, Baier: "I partiti consolidati hanno permesso all'estrema destra di prosperare"