Internet point ricicla reddito cittadinanza, truffa da 1 milione

Titolare arrestato, denunciati 232 cittadini senza i requisiti
Titolare arrestato, denunciati 232 cittadini senza i requisiti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 DIC - Riciclaggio continuato e abusiva attività di prestazione di servizi di pagamento sono le accuse a carico di un cittadino bengalese, titolare di un internet point, arrestato dai carabinieri di Milano. L'uomo, ai domiciliari, avrebbe consentito di monetizzare il reddito di cittadinanza concesso a cittadini privi dei requisiti (232 quelli denunciati) che gli versavano l'intero credito con versamenti via pos. In cambio gli consegnava i contanti, trattenendo il 15% su ogni transazione. L'uomo avrebbe riciclato 213mila euro. L'indebita percezione ai danni dello Stato è stata quantificata in un milione e 100mila euro. L'attività illecita sarebbe iniziata nell'ottobre 2020. A usufruirne, secondo le indagini dei carabinieri del Gruppo Tutela Lavoro di Milano, erano prevalentemente cittadini somali, che ricevevano il reddito di cittadinanza senza averne titolo. Rispetto all'anno precedente all'istituzione del reddito, l'internet point ha fatto registrare un incremento delle transazioni con pos di 215.000 euro, cioè del 1.600%, e 244 persone nel periodo delle indagini hanno 'speso' il loro reddito di cittadinanza nel negozio gestito dall'arrestato. In 232 sono risultati anche "indebiti percettori" e sono stati denunciati a 7 Procure (Milano, Cosenza, Bergamo, Roma, Brescia, Como e Torino) per falsa attestazione del possesso dei requisiti per la corresponsione del reddito e per truffa aggravata, gli altri 12 sono stati segnalati all'Inps per l'indebito utilizzo del beneficio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, l'Albania approva l'accordo sui Cpr dell'Italia

Vaticano: iniziati i lavori di restauro del baldacchino della Basilica di San Pietro

Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo per stupro