Pestaggi carcere Firenze, condannati 9 agenti per lesioni

Condanne fino a 3 anni 6 mesi. Giudice derubrica accusa tortura
Condanne fino a 3 anni 6 mesi. Giudice derubrica accusa tortura
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 16 DIC - Non ci fu tortura nel carcere di Sollicciano (Firenze), lo ha deciso il gup di Firenze Silvia Romeo che ha derubricato il reato contestato dalla procura in lesioni aggravate e ha condannato, in abbreviato, un'ispettrice della penitenziaria e altri otto agenti a pene fino a 3 anni e 6 mesi. Caduti alcuni episodi di falso e calunnia. Assolto un agente, che aveva chiesto l'abbreviato, e prosciolti due medici in servizio nel carcere, accusati di aver raccontato un'altra versione su due detenuti aggrediti. La procura aveva chiesto otto anni per l'ispettrice, ritenendola l'istigatrice dei pestaggi, e pene tra 1 e 7 anni per gli altri imputati. L'inchiesta esplose nel gennaio 2020, con l'arresto della ispettrice, un agente e un assistente capo. Per altri sei agenti, scattarono le misure interdittive. Al centro dell'inchiesta, tre presunti pestaggi, avvenuti tra il 2018 e il 2020. Nell'ufficio dell'ispettrice sarebbe avvenuto il più violento degli episodi contestati, il 27 aprile 2020, vittima un detenuto marocchino, colpevole di aver protestato insultando un agente. L'uomo sarebbe stato portato nell'ufficio e poi, davanti all'ispettrice, picchiato da sette agenti con pugni e calci fino a lasciarlo a terra senza fiato e procurandogli la frattura di due costole. Prima di essere portato in infermeria, sarebbe stato inoltre condotto in una stanza di isolamento, costretto a togliersi i vestiti e lasciato nudo per alcuni minuti per umiliarlo. Nell'inchiesta erano coinvolti anche due medici della Asl Toscana Centro in servizio nel carcere fiorentino, accusati di falso materiale e commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici, di omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale e di favoreggiamento. I due professionisti sono stati prosciolti dalle accuse anche se per la procura, in due distinti episodi, avrebbero coperto gli autori dei pestaggi omettendo di visitare i detenuti che venivano portati in infermeria dopo le violenze, certificando come lievi lesioni che, invece, avevano una prognosi reale di oltre 20 giorni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese