Regionali: Fedriga, andrò al voto con una mia lista

Gente non si riconosce nei partiti. Sulla Lega, restare compatti
Gente non si riconosce nei partiti. Sulla Lega, restare compatti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 10 DIC - Le elezioni regionali del Fvg si terranno in primavera, dopo il voto del 12-13 febbraio in Lazio e Lombardia; Massimiliano Fedriga sta già lavorando a una lista del governatore perché "stiamo vedendo che molti cittadini, che non si riconoscono nei partiti nazionali del centrodestra, e che magari guardano anche ad altre parti politiche, apprezzano l'azione amministrativa che abbiamo svolto". Fedriga lo ha detto a La Stampa - che ha rilanciato una lunga intervista ad altri quotidiani del Gruppo Gedi - confermando quanto anticipato all'Agenzia Ansa nel settembre scorso. "Sono fiducioso" ha detto Fedriga al quotidiano di Torino, precisando che la sua "non è un'operazione per recuperare consenso ma per allargarlo", richiamando l'esempio di Zaia e Toti. "Credo che una lista del presidente dopo il primo mandato sia utile alla coalizione per offrire agli elettori un'alternativa" fuori dai "binari nazionali". Rispondendo a una domanda sull'autonomia, Fedriga ha annunciato che dopo un confronto "con tutti i governatori, da Nord a Sud, e delle diverse forze politiche", si sta "trovando una strada condivisa per superare le legittime perplessità di alcuni colleghi"; e chiede di "implementare il Pnrr per renderlo il più utile possibile", rivendicando un ruolo per le Regioni. E' invece "molto preoccupante" il fenomeno migratorio, soprattutto al Nord Est: "La rotta balcanica non si è interrotta e rispetto agli anni scorsi abbiamo visto continuare gli arrivi anche con l'inizio del freddo: da gennaio a novembre abbiamo avuto 17 mila ingressi", ha indicato, chiedendo la riattivazione delle "re-immissioni in Slovenia" e accordi "con tutti gli altri Paesi interessati", visto che se "dal mare ci dicono che siamo un Paese di primo ingresso, dalla terra non lo siamo". Infine, la Lega: "Bossi è colui che ha fondato la Lega e non l'ha mai lasciata. Ho profondo rispetto per lui e penso che abbia ancora molte cose da dire e sia utile stare ad ascoltarlo". Io, conclude, "continuerò a operare nel mio piccolo per tenere unita la Lega" che deve essere "una e unita". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Artico, dove le renne contrastano i cambiamenti climatici

Olimpiadi, rubata su un treno a Parigi una borsa con dettagli sulla sicurezza dei Giochi

Dolph Lundgren, Lindsay Lohan, Brian Baumgartner...le celebrità statunitensi "involontariamente coinvolte" nella disinformazione in Moldavia