Morì di Covid, a processo medico della terapia alternativa

E' accusato di omissione di soccorso dopo le cure al telefono
E' accusato di omissione di soccorso dopo le cure al telefono
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 10 DIC - Sarà processato il medico reggiano Alberto Dallari, accusato dalla procura di Ferrara di omissione di soccorso nei confronti di un uomo di Cento (Ferrara) di 68 anni, morto nell'ottobre del 2021 per le conseguenze del Covid, come riporta la stampa locale. L'uomo, non vaccinato e no-vax convinto, nella prima fase della malattia era stato curato via telefono da Dallari ed era stato portato in ospedale quando la sua condizione clinica era già compromessa. Morì dopo un mese di degenza in terapia intensiva all'ospedale di Ferrara. La procura ferrarese imputa al medico non tanto la cura del Covid a distanza con sostanze tipo colchicina e invermectina (un vermifugo inserito in alcune terapie alternative), quanto di non essersi attivato quando le condizioni del paziente sono peggiorate. L'uomo aveva deciso di affidarsi a Dallari su suggerimento di un'amica. I due non erano entrati in contatto attraverso l'associazione IppocrateOrg, della quale comunque Dallari faceva parte, ma che non è coinvolta in questa vicenda. L'associazione nei mesi scorsi era stata al centro delle polemiche anche per l'organizzazione di un convegno in Senato sulle cure domiciliari al Covid, che aveva scatenato una bufera politica. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue