Ponte: da lunedì in aula testimonianze sopravvissuti

Processo entra nel vivo. Dopo feriti, i medici legali
Processo entra nel vivo. Dopo feriti, i medici legali
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 07 DIC - Entrerà nel vivo lunedì prossimo il processo per il crollo del ponte Morandi (14 agosto 2018, 43 vittime). Il 12 dicembre verranno sentiti i primi testimoni e cioè i sopravvissuti e le persone ferite. Lo hanno deciso i giudici del collegio con l'ordinanza che ha stabilito quali testi sentire e quali prove ammettere. Dopo i feriti, a cui saranno dedicate tre udienze, ci saranno i medici legali che hanno stabilito l'entità delle lesioni e la durata e poi, poco prima di Natale, i membri della commissione ministeriale. I giudici hanno escluso come testimone il perito svizzero Bernhard Elsener, che si era astenuto dopo una intervista alla televisione svizzera in cui aveva anticipato alcune conclusioni della perizia. Non accolta al momento la richiesta di alcuni difensori degli imputati di una nuova perizia su alcuni elementi mai esaminati. I giudici hanno però spiegato che potrà essere valutato in una fase successiva se disporla. Ammessi 'con riserva' quasi tutti i documenti depositati dalla procura salva la possibilità per i difensori di sollevare di volta in volta eccezioni sulla loro legittimità. Infine, per quanto riguarda le parti civili i giudici hanno spiegato che per loro sono sufficienti le prove documentali degli eventuali danni patiti. Sono 58 le persone imputate tra ex dirigenti di Autostrade e Spea (la controllata che si occupava delle manutenzioni) e tecnici, ex e attuali dirigenti del ministero delle Infrastrutture e del provveditorato delle opere pubbliche. Le due società sono uscite dal processo patteggiando circa 30 milioni di euro. Secondo l'accusa tutti sapevano delle condizioni del Morandi ma nessuno fece nulla seguendo la logica del risparmio per garantire maggiori utili da distribuire ai soci. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Zelensky "lanceremo una nuova controffensiva"

Le notizie del giorno | 23 febbraio - Pomeridiane

Ucraina, almeno 30mila dispersi: l'altro dramma di due anni di guerra con la Russia