Associazione, solo 5% affidi a coppie omosessuali 15% a single

Nasce gruppo Fb per confronto
Nasce gruppo Fb per confronto
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 05 DIC - Da marzo 2017 a oggi l'associazione M'aMa-Dalla Parte dei Bambini - nata per promuovere la cultura dell'affido e dell'adozione - su mandato di Servizi sociali e Tribunali dell'intero territorio nazionale ha collocato in famiglie affidatarie/adottive 180 minori con bisogni speciali. Solo il 5% di queste erano coppie omosessuali, e solo il 15% single. M'aMa ha un database nazionale di 5000 famiglie affidatarie di cui il 25% è costituito da coppie dello stesso sesso e single, target inutilizzato dagli Enti che hanno in carico i minori. "A questo punto preghiamo le Istituzioni, nel rispetto di quei minori che scrivono al Giudice di volere festeggiare il loro 18° compleanno nella "normalità di una casa" e non in una comunità, di prendere atto delle diverse forme familiari esistenti (omo e monogenitoriali) per garantire ad ogni bambino il diritto di crescere nella famiglia giusta per lui. La struttura familiare non ha nulla a che fare con la capacità genitoriale. E' vero, il bambino ha bisogno di far riferimento al ruolo paterno e a quello materno ma non è detto che questi si identifichino necessariamente con il genere maschile e quello femminile", dicono le promotrici della rete delle 'Mamme Matte'. Per questo M'ama invita le 'famiglie matte' in coppia omossessuale o single ad iscriversi al gruppo Fb single, gay e affido-affidiamoci reteMammeMatte quale spazio virtuale e protetto di confronto operativo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni