EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Violenza donne: musulmani con scarpe rosse in piazza a Fano

'L'ìslam condanna la violenza sulle donne, ma è appello a tutti'
'L'ìslam condanna la violenza sulle donne, ma è appello a tutti'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FANO, 27 NOV - Un gruppo di uomini appartenenti alle comunità islamiche della provincia di Pesaro Urbino è sceso in piazza a Fano per inscenare un flash mob silenzioso, "Uomini in scarpe rosse", secondo un format lanciato dall'associazione Teatrando di Biella e ripreso in varie parti d'Italia per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne: a Fano l'iniziativa è stata organizzata dall'associazione teatrale Lavanda. I partecipanti hanno indossato copriscarpe di colore rosso e mostrato cartelli in italiano e in arabo: "No alla violenza sulle donne", "La violenza sulle donne è un reato", "L'islam è contro la violenza sulle donne", "Il profets disse 'comportatevi bene con le donne'". Una presenza, quella del musulmani della zona, non troppo numerosa, ma fortemente significativa, in una città dove è stato commesso un femminicidio poche settimane fa: quello della profuga ucrina Anastasiia Alashrj, uccisa dall'ex marito. In prima fila, in piazza XX Settembre, gli imam della moschea di Fermignano Youssef Id Abdelkader e di quella di Fossombrone Omar Rakhis, ai quali si è aggiunto poi quello di Montecchio. "Come comunità islamica - ha spiegato l'imam di Fermignano - abbiamo voluto partecipare a questa iniziativa perché la nostra religione abbraccia pienamente questa causa. Non abbimo esitato, come comunità islaica della provincia di Pesaro Urbino a rispondere all'appello. Ma penso di parlare - ha sottolineato - a nome di tutti i musulmani in generale e di quelli d'Italia in particolare quando dico che la violenza sulle donne è severamente condannata dalla nostra religione" Id Abdelkader ha citato raccomandazioni contenute in "versetti coranici e detti del nostro profeta". "Il nostro di profeta (pace e benedizione di Allah su di lui) disse 'comportatevi bene con le donne' in uno dei suoi discorsi più celebri - ha concluso -. Quindi la nostra presenza oggi, oltre a voler inviare un forte messaggio, è anche un appello a tutti gli uomini di ogni religione ed etnia di fermare la violenza, non solo fisica, sulle donne". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, la Knesset approva una risoluzione che respinge l'istituzione di uno Stato palestinese

Le notizie del giorno | 18 luglio - Serale

Venezuela, attentato contro María Corina Machado, leader dell'opposizione e principale rivale di Maduro