EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Violenza donne: maltrattata per 30 anni, ho taciuto per vergogna

Marito condannato un mese fa. Avvocato, basta silenzio
Marito condannato un mese fa. Avvocato, basta silenzio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 25 NOV - "Davanti alle violenze, bisogna interrompere subito la relazione. Il silenzio prolunga solo i maltrattamenti". Lo dice all'ANSA l'avv. Roberta Montenovo, presidente dell'associazione Donne e Giustizia di Ancona, che da anni ha uno sportello di ascolto e prima accoglienza per vittime di violenza domestica, stalking, violenza sessuale e maltrattamenti da parte di uomini e ragazzi. E racconta la storia di uno degli ultimi casi seguiti, una donna che per 30 anni ha vissuto con un marito violento, che più che una moglie accanto voleva una schiava. E come tale l'ha trattata. Lei oggi ha 60 anni, è madre di due figli. Un mese fa la vicenda giudiziaria, seguita da un team di avvocate che si occupano gratuitamente di chi chiede loro aiuto, è arrivata alla sentenza di appello, con una condanna a due anni e un mese per il marito 61enne, accusato di maltrattamenti in famiglia. "A salvarla è stata la denuncia della figlia - spiega l'avv. Montenovo - che, all'ennesimo episodio violento accaduto in casa, ha chiamato i carabinieri. 'Non ho mai denunciato, non ho mai osato parlare perché mi vergognavo' ci ha raccontato poi la madre". Violenze domestiche continue e insulti. In una occasione non gli era piaciuta la cena e dopo aver gettato il piatto a terra con tutto il contenuto aveva, stando alle accuse, obbligato la moglie a mangiare quel cibo dal pavimento. Ogni volta che la donna trovava lavoro lui l'accusava di essere una prostituta e la costringeva a licenziarsi. In casa pretendeva di mangiare anche da solo, obbligando la moglie a servirlo. L'ennesimo episodio che ha portato la figlia a denunciare tutto ai carabinieri risale al 2020: nel periodo delle restrizioni del lockdown il 61enne è stato oggetto di un provvedimento di allontanamento dal nucleo familiare. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"

Le notizie del giorno | 24 luglio - Serale