EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Violenza di genere, ecco lo smartwatch che salva le vittime

Parte SoS e arrivano carabinieri, al via dopo i test a Napoli
Parte SoS e arrivano carabinieri, al via dopo i test a Napoli
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 30 NOV - "Sono dieci i femminicidi che si sono registrati a Napoli nel corso dell'anno, un fenomeno allarmante, purtroppo in crescita, in cui l'autore del reato spesso ha le chiavi di casa". È sempre più preoccupante la violenza di genere, secondo il procuratore aggiunto Raffaello Falcone, coordinatore della sezione "fasce deboli" della Procura partenopea, intervenuto oggi alla conferenza stampa di presentazione del progetto "Mobil Angel" grazie al quale ora quindici vittime di violenza selezionate in base ai pericoli a cui sono esposte, possono lanciare un allarme e chiedere l'immediato intervento dei carabinieri. Il dispositivo sperimentato all'ombra del Vesuvio rappresenta un esempio di sinergia tra pubblico e privato visto che vede coinvolti i carabinieri di Napoli, coordinati dal generale Enrico Scandone, comandante provinciale, la Procura (con Raffaello Falcone), la Fondazione Vodafone (Fabio Ortolani) e l'associazione Soroptmist International Italia, presieduta da Giovanna Guercio. Il sistema è "semplice ed efficace": il kit è composto da uno smartwatch connesso a un cellulare collegato alla rete Vodafone dal quale si può inviare, con la duplice pressione di un tasto, un sos alla centrale operativa dei carabinieri. Ricevuta la segnalazione la centrale geolocalizza il dispositivo e invia una pattuglia sul posto. Nel frattempo si attivano registrazioni video e audio. L'sos parte autonomamente se lo smartwatch rileva particolari livelli di stress, battito cardiaco accelerato oppure movimenti riconducibili a percosse, strattonamenti e cadute. Il dispositivo, ha spiegato il generale Scandone, "è frutto del grande sforzo che quotidianamente i carabinieri compiono per venire incontro alle esigenze delle vittime. Abbiamo personale addestrato, ambienti accoglienti, meno freddi di un ufficio giudiziario o di una caserma, per mettere coloro che vogliono denunciare in condizione di poter esporre i loro casi". "La magistratura - ha detto infine il procuratore aggiunto Raffaello Falcone - ha iscritto a ruolo ben 4200 procedimenti in meno di un anno aventi oggetto maltrattamenti, stalking, lesioni aggravate e femminicidi. Inoltre nello stesso periodo ha emesso 176 arresti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico