Carceri: 'agenti cosca parte'; capo Dap,parole inaccettabili

Polemica su frase giudice di sorveglianza di Agrigento
Polemica su frase giudice di sorveglianza di Agrigento
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 30 NOV - "Come Capo del Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria, esprimo sincero stupore per le dichiarazioni del Magistrato di sorveglianza di Agrigento, le quali suonano come oggettivamente offensive nei confronti degli appartenenti al Corpo della Polizia penitenziaria. Spero che intervengano, al più presto, parole atte a rettificare un giudizio altrimenti inaccettabile". Così Carlo Renoldi, capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria dopo che durante un convegno ("Carcere. Non solo privazione della libertà") che si è tenuto lo scorso 26 novembre all'associazione culturale Atena, a Canicattì, nell'Agrigentino, uno dei partecipanti, il giudice di sorveglianza di Agrigento, Walter Carlisi, ha detto, tra l'altro, che l'azione disciplinare nei confronti dei detenuti "negli istituti penitenziari locali, ultimamente, è scaduta. Si crea così un caos e chi deve essere rappresentante delle istituzioni dello Stato, dimentica di esserlo e si convince di essere solo appartenente - uso le virgolette - a una 'cosca di parte'. Ed ecco che si verificano casi come Santa Maria Capua Vetere. Ci sono le cosche dei camorristi e le cosche che portano una cosa blu addosso". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Alta tensione tra Moldova e Transnistria, Tiraspol chiede l'intervento russo per i dazi

La Germania media per la pace tra Azerbaigian e Armenia

Guerra in Ucraina, Zelensky al vertice in Albania chiede più munizioni