EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Annual Summit del World Protection Forum a Venezia

Il 25 e 26/11. Proteggere umanità concentrando iniziative.
Il 25 e 26/11. Proteggere umanità concentrando iniziative.
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Concentrare insieme in modo concreto tutte le iniziative su come proteggere le persone, le aziende e il pianeta in cui viviamo in un momento in cui l'umanità è circondata da rischi, i cui effetti sono crescenti su ogni fronte, dal sociale, al sanitario, all'economico, all'ambientale o al digitale: questo l'obbiettivo della 4/a edizione dell'Annual Summit 2022-2023 del World Protection Forum. La manifestazione si tiene a Venezia, con il patrocinio del Comune, il 25 e 26 novembre, in occasione dell Città in Festa. E' l'unico Forum - spiegano gli organizzatori - che si tiene in modo permanente durante tutto l'anno in diverse città del mondo per "diffondere un nuovo modo di fare impresa e di fare cultura mettendo la protezione al primo posto". L'edizione Annual Summit 2022-2023 di Venezia promuove il lancio de "Gli Stati Generali della Sostenibilità" del giornalista Massimo Lucidi. L'Annual Summit sarà ospitato da SerenDPT, società benefit che ha il proprio quartier generale nel complesso dei Santi Cosma e Damiano alla Giudecca, la cui chiesa sconsacrata è stata valorizzata da un bellissimo restauro che la rende oggi fruibile anche al pubblico. Saranno messi in contatto diversi mondi: istituzionale, aziendale, scientifico, sportivo e culturale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi di Parigi: ecco cosa sappiamo della cerimonia di apertura

Razionamento dell'acqua in Romania per migliaia di persone a causa della siccità

Francia, comprare sesso resta un reato: lo decide la Corte europea dei diritti dell'uomo