EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Migranti in attesa a Ventimiglia, c'è paura ma "ci proveremo"

Taki Hassan, cosa succederà qui se non riusciranno a passare?
Taki Hassan, cosa succederà qui se non riusciranno a passare?
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENTIMIGLIA, 11 NOV - "Basta aspettare qualche giorno, poi ci riproviamo anche se un po' di paura c'è". Salah viene dal Darfur, dice di avere 18 anni e non è al suo primo tentativo di passare il confine. Si trova nel parcheggio dietro alla stazione a Ventimiglia, con altri suoi connazionali, molti arrivati qui dopo i viaggi sui barconi, con pochi stracci e stomaco e tasche vuoti. La notizia che i francesi hanno serrato i controlli non li spaventa. "Li conosciamo i francesi, no? ma non è che non ci riproviamo. E anche se hanno arrestato qualche passeur nei giorni scorsi, loro ci saranno sempre per noi. Ci vivono, con noi, ci prendono i soldi. Vedrai che stasera qualcuno si farà vedere". Più preoccupato è Taki Hassan, presidente del centro culturale di fratellanza islamica, che riceve alla moschea molti dei migranti senza documenti arrivati con i barconi. "Diamo loro da mangiare e da vestirsi, vengono qui anche per lavarsi e per pregare ma cosa succederà se non riusciranno più a passare? Oppure se i passeur spariscono, come faranno a fare i sentieri di notte? Che fine ha fatto il patto di amicizia siglato dalla Francia con il nostro Presidente Mattarella? Sono preoccupato per quello che potrà succedere qui - ha concluso - se aumenterà il numero delle persone che arrivano con i barconi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"

Le notizie del giorno | 24 luglio - Serale

Come l'intelligenza artificiale viene utilizzata per istruzione, arte e veicoli autonomi in Qatar