EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Migranti: superstite naufragio, continuo a vederli annegare

Il racconto di chi si è salvato al team di psicologi di Msf
Il racconto di chi si è salvato al team di psicologi di Msf
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LAMPEDUSA, 27 OTT - "Continuo a vederli mentre annaspano in acqua, tento di aiutarli, provo ad afferrarli prima di verderli scomparire tra le onde. Ma è tutto inutile...". A raccontare la terribile esperienza del naufragio vissuta tre giorni fa al largo delle coste di Lampedusa è un ragazzo di 22 anni, originario della Costa d'Avorio. Era su un barchino partito dalle coste tunisine con 26 migranti, solo in 22 sono riusciti a raggiungere Lampedusa; gli altri quattro, tre uomini e una donna, sono affogati davanti ai suoi occhi. Una scena che adesso lo perseguita. Il giovane ivoriano, ancora sotto choc, è uno degli ospiti dell'hotspot dell'isola. A garantirgli supporto psicologico, fra i padiglioni della struttura, il team di Medici senza frontiere, composto dal referente medico Marina Castellano, dalla psicologa Carmen Ventura e dalla mediatrice culturale Fella Boudjemai che è di origini algerine. "Le storie sono tantissime, tutte drammatiche - spiega Marina Castellano, mentre è in partenza da Lampedusa per tornare a Roccella Jonica, altro fronte dell'immigrazione -. Sia il giovane della Costa d'Avorio che un altro ragazzo che era sul barcone che ha preso fuoco e dove sono morti ustionati due bambini di 10 mesi e un anno, ci hanno detto che non riescono a cancellare dalla loro mente quelle scene terribili. Una circostanza comune a tutti i superstiti di un naufragio: continuano a vedere annegare coloro che, fino a pochi momenti prima, erano seduti accanto a loro. E sono amici, parenti, figli, come è successo in questi ultimi giorni. Non possiamo più permettere che accadano queste tragedie". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori