EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ponte Genova: respinte tutte le eccezioni degli imputati

Con cavi esterni si sarebbe evitato il crollo
Con cavi esterni si sarebbe evitato il crollo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 26 OTT - Respinte tutte le eccezioni sollevate dagli avvocati degli imputati del processo per il crollo del ponte Morandi (14 agosto 2018, 43 vittime). I legali avevano chiesto l'annullamento dei due incidenti probatori, quello sullo stato del viadotto e quello sulle cause, e di tutti gli atti successivi alla chiusura delle indagini. Sono 59 le persone imputate tra ex dirigenti di Autostrade e Spea (la controllata che si occupava delle manutenzioni) e tecnici, ex e attuali dirigenti del ministero delle Infrastrutture e del provveditorato delle opere pubbliche. Le due società sono uscite dal processo patteggiando circa 30 milioni di euro. Secondo l'accusa tutti sapevano delle condizioni del Morandi ma nessuno fece nulla seguendo la logica del risparmio per garantire maggiori utili da distribuire ai soci. L'udienza è stata rinviata al 7 novembre quando le parti faranno le loro richieste di prove. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 luglio - Pomeridiane

Gaza, incontro a tre sul post-guerra: mancano i diretti interessati

Olimpiadi di Parigi 2024, già si parte con calcio e rugby a sette: il programma completo