EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Falso 'Sassicaia', prime condanne e altri 4 rinvii a giudizio

Donna nei guai anche per l'accusa di molestie continuate
Donna nei guai anche per l'accusa di molestie continuate
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 06 OTT - Patteggiamenti, condanne e rinvii a giudizio: si chiude così l'udienza preliminare relativa all'inchiesta sulla contraffazione del celebre vino Sassicaia. Il gup del tribunale di Firenze ha emesso una condanna in abbreviato per colui che è ritenuto il principale artefice dei falsi, un uomo residente nel Milanese (due anni e sei mesi) e ratificato tre patteggiamenti (con pene comprese tra 1 anno e 4 mesi e 11 mesi) per i due figli e un rivenditore del vino fasullo. Infine, il tribunale ha rinviato a giudizio altre quattro persone: per loro prima udienza il 5 giugno 2023 davanti al giudice della prima sezione monocratica del tribunale di Firenze. Le accuse per tutti, a vario titolo, sono: contraffazione di uso di marchi anche aggravato e di indicazione geografiche o denominazione di origine agroalimentari oltre che ricettazione. Secondo quanto emerso, il vino che veniva imbottigliato come falso Sassicaia era acquistato in Sicilia. Le bottiglie, in base a quanto ricostruito dalle indagini della guardia di finanza, provenivano dalla Turchia mentre etichette, tappi, carta velina e casse erano prodotte in Bulgaria. La produzione si sarebbe attestata su circa 700 casse di vino al mese, per un totale di 4.200 bottiglie, con un introito stimato in circa 400mila euro al mese. La contraffazione sarebbe stata relativa in particolare ad annate tra il 2010 e il 2015. Due uomini, padre e figlio, 64 e 36 anni, secondo l'accusa, sarebbero riusciti a riprodurre anche uno speciale ologramma anticontraffazione impresso sulle etichette originali del Sassicaia. Perfino la carta velina usata per il confezionamento della bottiglie aveva lo stesso peso, 22 grammi, di quella originale. Avrebbero curato anche la fattura e il colore delle bottiglie, oltre alla dimensione dei tappi, in tutto e per tutto identici agli originali. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen