Uccise la madre perché cantava, era incapace intendere e volere

Le conclusioni della perizia psichiatrica disposta dal gip
Le conclusioni della perizia psichiatrica disposta dal gip
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MONZA, 05 OTT - La perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Monza ha definito "totalmente incapace di intendere e volere al momento dei fatti" Davide Garzia, il 24enne che lo scorso 21 aprile ha brutalmente ucciso la madre, Fabiola Colnaghi, 58 anni, nella loro abitazione di Aicurzio (Monza). Lo rende noto l'avvocato Renata D'Amico, legale difensore di Garzia. Incaricato dal gip di Monza di relazionare sulle condizioni psichiche del giovane che, quel pomeriggio, aggredì la madre a calci e pugni "perché cantava", per poi tagliarle i capelli e cospargerla di candeggina, è stato il professor Marco Lagazzi. La revoca della misura detentiva a fronte di un collocamento in una struttura psichiatrica e il possibile proscioglimento, saranno oggetto della prossima udienza. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Due anni di guerra in Ucraina: aiuti dall'Ungheria attraverso la Transcarpazia

Russia, corpo di Alexei Navalny consegnato alla madre

Houthi colpiscono una nave: enorme chiazza di petrolio nel Mar Rosso