Elezioni: pastori sardi, aiuti a settore o nuove proteste

Sanna, "nulla nei programmi dei partiti. Così chiudiamo"
Sanna, "nulla nei programmi dei partiti. Così chiudiamo"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 14 SET - I pastori sardi, piegati dal caro energia e dai rincari delle materie prime, a dieci giorni dalle elezioni politiche pensano ad una nuova mobilitazione e annunciano "iniziative eclatanti se nel breve periodo non otterremo risposte". "Il mondo delle campagne sta soffrendo dei rincari diventati insostenibili, ma su questo c'è la totale assenza della politica che, a pochi giorni dal voto, non fa un solo accenno alla nostra categoria nei programmi elettorali". A parlare è Nenneddu Sanna il pastore di Orune tra i protagonisti delle proteste scoppiate nel 2019 in tutta l'Isola per chiedere un equo prezzo del latte: "e oggi - assicura - le cose sono peggiorate". "Qui la speculazione sui lavoratori la sta facendo da padrona: la bolletta dell'energia elettrica e il gasolio costano il triplo, i mangimi e le sementi il doppio, tanto per fare alcuni esempi - denuncia Sanna - Noi dobbiamo sapere prima di tutto a che prezzo ci pagheranno il latte in questa stagione e se dobbiamo fare investimenti nelle nostre aziende o se dobbiamo chiudere. Così invece i trasformatori del latte, i mangimifici scaricheranno i rincari delle bollette sulla nostra categoria e noi cosa dovremmo fare? Scaricare sui consumatori vendendo al triplo latte e formaggi? Temo che sarà la nostra categoria a essere schiacciata da questi prezzi impazziti". Il pastore detta l'agenda alla politica: "Si parla di spopolamento, di insularità, temi giusti, ma non si va a fondo del problema. I politici parlino anche dei lavoratori: se crolla il nostro settore che è fondamentale soprattutto nei paesi del centro Sardegna, qui crolla tutto ed è certo che lo spopolamento continuerà a galoppare. Chi si candida a rappresentarci in Parlamento ci dica se ci aiutano o se dobbiamo chiudere. Ripeto - conclude Nenneddu Sanna -: senza risposte daremo vita a manifestazioni eclatanti per difendere il nostro lavoro e la nostra terra". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista

Accoltellamento in Australia, all'eroe francese un visto di residenza permanente