Amato, caos istituzionale se poteri non rispettano limiti

L'ultimo intervento alla Consulta, il suo mandato scade il 18
L'ultimo intervento alla Consulta, il suo mandato scade il 18
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 13 SET - "L'esercizio responsabile e certo non timido del proprio potere è un dovere istituzionale. Ma con il rispetto del suo limite, che è parte non rinunciabile della rule of law, chiunque sia a non rispettarlo, l'esecutivo come il giudiziario". Lo ha sottolineato il presidente della Corte costituzionale Giuliano Amato nel suo saluto ai giudici della Consulta , evidenziando il rischio del "caos istituzionale" se ciascun potere non rispetta i suoi confini. Amato, il cui mandato scadrà il 18 settembre, ha descritto un mondo peggiorato in cui sono aumentati i conflitti fra Stati e anche quelli all'interno delle società statuali, con sistemi politici "radicalizzati in particolare sui temi valorali e identitari". E ha parlato di "barriere nazionali" contro il diritto comune europeo che vengono innalzate o minacciate non solo da parte di Polonia, Ungheria e Romania. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, un 17enne entra con un coltello in un liceo: quattro feriti, due gravi

Romania, la coalizione di governo sovrappone le elezioni locali alle europee

In Ucraina mancano i soldati volontari, le truppe al fronte sono esauste