EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Disordini per Cagliari-Napoli, 21 Daspo a ultras partenopei

Tra le accuse anche adunata sediziosa e resistenza
Tra le accuse anche adunata sediziosa e resistenza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

Ventuno Daspo (divieto di accesso alle manifestazioni sportive) nei confronti di altrettanti tifosi partenopei per i disordini prima e dopo la gara dello scorso 21 febbraio tra Cagliari e Napoli alla Unipol Domus. Il provvedimento è arrivato oggi dalla Questura del capoluogo sardo. Secondo la ricostruzione della Polizia, i tifosi del Napoli, una volta arrivati alla stazione si sarebbero rifiutati di salire sui bus predisposti dal servizio di sicurezza avvicinandosi allo stadio a piedi in un corteo senza autorizzazione. Gli ultrà del Napoli erano circa 250: proprio per evitare di salire sui pullman, erano scesi dal treno, partito dall'aeroporto di Elmas, alla fermata precedente, a Santa Gilla. Ritenendo ormai impossibile farli salire sui bus (c'era il rischio che si scatenasse una guerriglia urbana) era stato predisposto un servizio di scorta a piedi lungo tutto il percorso verso lo stadio. Per gli ultrà cagliaritani i cori dei partenopei lungo il cammino verso Sant'Elia erano stati una provocazione. La risposta era stata, a fine partita, l'assalto alla curva occupata dai campani. Le immediate indagini della Digos di Cagliari, svolte in collaborazione con i colleghi di Napoli, avevano consentito di identificare e denunciare 21 supporter appartenenti alla tifoseria ultrà napoletana, accusati a vario titolo del reato di adunata sediziosa, porto di armi impropria, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Cinque Daspo sono ora aggravati da obblighi di comparizione in un ufficio di polizia. La durata dei provvedimenti è stata applicata in relazione alla pericolosità sociale dei soggetti. In particolare, per uno di loro di 8 anni; gli altri vanno da 7 alla durata di 1 anno. I 21 appartenenti al gruppo ultrà napoletano non potranno accedere all'interno degli stadi e di tutti gli impianti sportivi del territorio nazionale. Per l'assalto alla curva partenopea erano già scattati undici provvedimenti, tra arresti e denunce, per i tifosi cagliaritani protagonisti del raid. Ora i Daspo ai supporter del Napoli. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 22 luglio - Serale

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti

Le notizie del giorno | 22 luglio - Pomeridiane