EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Covid: stop a fabbrica pubblica mascherine Puglia

Nata nel periodo dell'emergenza, aveva 10 dipendenti
Nata nel periodo dell'emergenza, aveva 10 dipendenti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 31 AGO - L'unica fabbrica pubblica italiana di mascherine sanitarie, almeno per ora, dovrà sospendere l'attività in Puglia. Oggi, infatti, scade il contratto con la società che, attraverso l'impiego di dieci dipendenti, si occupava della produzione dei Dpi. Al momento, la Regione Puglia non ha ancora deciso il futuro dello stabilimento inaugurato nel 2020, in piena pandemia Covid, dalla Protezione civile, quando le mascherine erano introvabili sul mercato italiano e estero e i prezzi erano schizzati alle stelle. La notizia è confermata all'ANSA dal presidente del comitato della Protezione civile regionale, il consigliere regionale, Maurizio Bruno. "Oggi è scaduto il contratto - conferma Bruno contattato telefonicamente - con il presidente stiamo valutando alcune ipotesi ma non è stata ancora presa una decisione". Tra le soluzioni, c'è anche quella di affidare la gestione all'Asl Bari, ma bisogna prima capire se la strada è percorribile dal punto di vista normativo e se è economicamente sostenibile. Ad oggi, la fabbrica, costata circa sette milioni di euro, ha prodotto 22mila mascherine al giorno, Dpi che non sono stati immessi sul mercato perché non è possibile commercializzarli, ma sono stati distribuiti gratuitamente a ospedali, forze dell'ordine, associazioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Donald Trump è a Milwaukee per la convention repubblicana, Biden: "No ad atti di violenza"

Le notizie del giorno | 15 luglio - Mattino

Gaza, Israele attacca una scuola gestita dall'Onu. Almeno 14 i morti