This content is not available in your region

Muore a 28 anni dopo aver partorito bimba con cesareo

Access to the comments Commenti
Di ANSA
E' accaduto a Taranto, la piccola sta bene
E' accaduto a Taranto, la piccola sta bene

(ANSA) – TARANTO, 30 AGO – Una donna di 28 anni è morta ieri
nell’ospedale SS. Annunziata di Taranto dopo aver dato alla luce
una bambina con un parto cesareo. La piccola è in buone
condizioni. L’Asl, che ha diffuso la notizia, precisa che i
controlli post operatori hanno evidenziato una emorragia ed è
stato eseguito un intervento chirurgico d’emergenza ma la donna
è andata in arresto cardiaco. La giovane era alla 40esima
settimana di gestazione della sua prima gravidanza ed è stata
ricoverata per rottura prematura delle membrane. Avendo
richiesto di non proseguire con l’induzione al parto -
sottolinea l’Asl – è stata sottoposta a taglio cesareo. Dopo l’intervento – spiega l’Asl – le verifiche routinarie
hanno rivelato una riduzione dell’emoglobina, compatibile con
l’intervento chirurgico. Dopo un breve intervallo è stato
programmato un ulteriore controllo che ha evidenziato una anemia
severa (emorragia). Il personale sanitario ha immediatamente
attivato tutte le procedure necessarie, ma la giovane è andata
in arresto cardiaco. È stata posta in atto ogni procedura
prevista dal protocollo ed è stato eseguito un intervento
chirurgico d’emergenza ma, purtroppo, per la donna non c‘è stato
nulla da fare. La neonata, che alla nascita pesava 2.580 grammi, è in buone
condizioni di salute ed è attualmente seguita dal personale
dell’Unità Operativa di Neonatologia del nosocomio tarantino. La
direzione Asl Taranto, il primario e il reparto “intendono
esprimere – conclude l’Asl – il proprio cordoglio per la perdita
di questa giovane donna, nel giorno che avrebbe dovuto essere
uno dei più gioiosi della sua vita. Alla sua famiglia e ai suoi
cari vanno le più sentite condoglianze”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.