EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ambiente: Covid meno letale in città più 'verdi'

Studio Sima, meno contagi in città con poco inquinamento
Studio Sima, meno contagi in città con poco inquinamento
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 AGO - Inquinamento atmosferico ed estensione delle aree verdi urbane influiscono in modo diretto sulla diffusione del Covid-19. E' in estrema sintesi il risultato di una ricerca Sima, la Società Italiana di Medicina Ambientale in collaborazione con la Facoltà di Medicina dell'Università Complutense di Madrid e l'Università del Sannio pubblicata sulla rivista "Environmental Research". "La ricerca mostra i diversi impatti in termini di infezioni, ricoveri e mortalità che il Covid ha prodotto nei diversi territori a seconda dell'intensità dell'inquinamento atmosferico e dell'estensione delle aree verdi, costituendo un'ulteriore prova che l'ambiente influisce direttamente e in modo rilevante sul nostro stato di salute", spiega il presidente Sima, Alessandro Miani. Lo studio italo-spagnolo ha analizzato l'associazione tra incidenza, ricoveri o decessi per Covid e l'estensione delle aree verdi pubbliche in 10 città italiane e 8 province spagnole con più di 500.000 abitanti. Al netto delle diverse dinamiche di contagio legate alla densità di popolazione, i risultati dello studio mostrano in modo chiaro come l'impatto del Covid in termini di contagi, ricoveri e decessi sia stato inferiore in quelle città che vantano una maggiore estensione del verde pubblico e minori concentrazioni medie annue di PM2.5. In particolare in base ai dati elaborati dalla Società Italiana di Medicina Ambientale attraverso lo studio e riferiti al 2021, ad un incremento di un km2 di aree verdi urbane per 100.000 abitanti corrispondono circa 68 contagi in meno tra la popolazione, 1 ricovero risparmiato e 115 decessi evitati. Ancora più pronunciato l'effetto dell'inquinamento atmosferico, laddove ad ogni incremento di 1 microgrammo per metro cubo di PM2.5 per 100.000 abitanti corrispondono 367 contagi in più, 2 ricoveri e addirittura 796 morti evitabili. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace

Blocco informatico: lento ripristino delle attività dopo l'aggiornamento di Crowdstrike

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale