Turista violentata dal branco, due arrestati dopo indagini cc

35enne canadese abusata a Impruneta. Altri due indagati
35enne canadese abusata a Impruneta. Altri due indagati
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 23 AGO - Due arresti per 'violenza sessuale di gruppo' e 'diffusione illecita di video sessualmente espliciti' sono stati eseguiti dai carabinieri per l'abuso a una turista canadese la notte tra il 29 e il 30 luglio scorsi a Impruneta (Firenze). Gli arrestati sono due uomini di 34 e 26 anni ritenuti gravemente indiziati dei due reati in concorso con altri due indagati. I carabinieri di Scandicci e di Impruneta hanno effettuato gli arresti dopo un'indagine coordinata dalla procura di Firenze e in attuazione di una misura cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Firenze su richiesta del pm Beatrice Giunti per il pericolo di 'reiterazione del reato'. Nella vicenda, tra gli elementi di prova raccolti, c'è un filmato che ritrae la vittima mentre subiva gli abusi. E' un video che risulta realizzato da uno degli arrestati e che venne poi diffuso illecitamente ad altri soggetti via WhatsApp. Secondo ricostruzioni, la turista canadese, 35enne, che viaggiava da sola in Italia, aveva trascorso la serata in un locale di Impruneta insieme a due uomini. La violenza sessuale sarebbe avvenuta quando la donna era in stato di ubriachezza, circostanza di cui gli aggressori avrebbero approfittato forzando la sua volontà. Sempre in base alle ricostruzioni, gli altri due indagati assisterono alla scena senza intervenire a difesa dell'aggredita. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, Hrw: Israele non sta rispettando la sentenza della Corte dell'Onu sugli aiuti umanitari

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Mattino

Migranti: anniversario strage di Cutro, i parenti delle vittime denunceranno il governo italiano