Auto sgomma su opera Maria Lai, polemica su gimkana notturna

Gli organizzatori, "tutto è stato ripulito"
Gli organizzatori, "tutto è stato ripulito"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ULASSAI, 22 AGO - E' polemica per una gimkana notturna di sabato scorso che ha danneggiato "Il volo del gioco dell'oca" di Maria Lai in piazza Barigau a Ulassai, paese ogliastrino e natale dell'artista sarda morta nel 2013. La gara si è svolta proprio accanto all'installazione permanente. Un automobilista uscito di pista, tracciata dagli organizzatori del MotoClub Ulassai, ha lasciato con le gomme un cerchio nero sull'opera, che vede la riproduzione in acrilico delle 13 caselle che compongono il gioco dell'oca. Lo sfregio è stato documentato da un drone e subito è scoppiata la polemica sull'opportunità di autorizzare una gimkana così vicina a un monumento del paese. Il referente del MotoClub, Marco Vargiu, non ci sta e parla di una "polemica sul nulla". "Le sgommate di fango sull'opera le abbiamo ripulite nella tarda mattinata di domenica e adesso 'il gioco dell'oca' è tornato perfetto - spiega all'ANSA Vargiu -. Si è trattato di un automobilista che inconsapevole della cosa, dopo la gara è uscito dal tracciato pieno di fango per salutare il pubblico e la macchina ha fatto un cerchio sull'opera. Lui ha sbagliato, ma per fortuna non è avvenuto niente di irreparabile". "Quelle gimkane le abbiamo sempre fatte - aggiunge - la pista era protetta da balle di fieno, però questa volta c'è stato l'errore di qualcuno. E' evidente che non doveva farlo, la prossima volta staremo più attenti - assicura Vargiu - Ma mi piace ricordare che Maria Lai ha realizzato quest'opera perché i bambini ci giocassero e perché le persone la abitassero, in modo che la piazza fosse sempre viva". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, via libera del Parlamento alla missione navale Aspides: mandato strettamente difensivo

Fao, donne più penalizzate degli uomini dal cambiamento del clima

Libertà dei media: ecco la situazione in Europa