This content is not available in your region

Illegalità e abusi in area protetta Sardegna, 'serve Stato'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Associazione Capo Testa chiede salvare Valle Luna da occupazione
Associazione Capo Testa chiede salvare Valle Luna da occupazione

(ANSA) – SANTATERESA DI GALLURA, 19 AGO – Da oltre
quarant’anni ospita una piccola comunità hippy che ha scelto di
abbandonare la società moderna per vivere a contatto con la
natura. Quello che però fino a qualche anno fa poteva essere
considerato un esperimento sociale, si è trasformato in un grave
problema di igiene e sicurezza, che priva il grande pubblico
della possibilità di ammirare serenamente uno dei luoghi più
suggestivi della Sardegna: Cala grande, ribattezzata in maniera
evocativa dagli occupanti Valle della Luna, nella minuscola
penisola di Capo Testa che si affaccia sulle Bocche di
Bonifacio. Uno spicchio di rocce di granito e sabbia a picco sul
mare azzurro, nell’Area Marina Protetta da tempo Sito di
Interesse Comunitario, diventato oggi simbolo di incuria e
abbandono. A sollevare il problema è l’associazione ambientalista Capo
Testa Republic, che dal 2020 si batte per valorizzare,
promuovere e tutelare Capo Testa. E che propone di trasformare
Cala di l’Ea, Cala di Mezu e Cala Grande in un parco naturale,
aperto a tutti. “La cosiddetta Valle della Luna è un’area
naturale di inestimabile valore, da anni miraggio di libertà
giovanili che, soprattutto nei mesi estivi, viene presa
d’assalto da ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia, e non
solo, e si trasforma in una realtà di sporcizia, illegalità e
piccoli abusi edilizi”, spiega l’associazione, nata per
iniziativa di alcuni abitanti di Capo Testa ma che comprende
anche molti residenti di Santa Teresa Gallura e villeggianti
storici. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.