Denuncia 20 anni di botte, la prescrizione li cancella

Anche Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma parte civile
Anche Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma parte civile
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 10 AGO - Aveva denunciato tra il 2014 e il 2015 botte, calci, pugni, schiaffi, umiliazioni ricevuti per oltre 20 anni dal marito e il processo è arrivato sei anni dopo, nel 2021. Un tempo che ieri ha costretto la giudice Stefania Cugge a prosciogliere l'imputato, un uomo di 57 anni del Chivassese, in provincia di Torino, per intervenuta prescrizione. La vicenda viene riportata dal quotidiano La Stampa, in cui i commenti dei legali delle due parti si schierano su fronti opposti. "Il giudice ha applicato la legge nel rispetto dei principi del giusto processo che impone la sua celebrazione in tempi ragionevoli - afferma il difensore dell'uomo, l'avvocato Pierpaolo Chiorazzo -. Tempi che in questo caso non sono stati rispettati, a prescindere dall'eventuale responsabilità del mio assistito". "Questa purtroppo era la legge - dice la legale di parte civile, l'avvocata Sonia Maria Cocca -. Ora, grazie al "Codice rosso" (legge del 2019 a tutela della vittime di violenza domestica e di genere, ndr), le donne sono maggiormente tutelate". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie Usa, attesa per il Super tuesday: dove si vota e cosa aspettarsi

Sequestro di droga record in Martinica, requisite oltre otto tonnellate di cocaina

Jeff Bezos è l'uomo più ricco del mondo superando Elon Musk, terzo il francese Bernard Arnault