EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Siccità: Casellati, va evitato che diventi deserto economico

Presidente Senato in visita nelle campagne in Polesine
Presidente Senato in visita nelle campagne in Polesine
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROVIGO, 05 AGO - "Se mancano il grano e il mais noi dobbiamo rivolgerci ad altre economie. La siccità oggi non è soltanto un problema sulle spalle degli agricoltori, è sulle spalle di tutte le famiglie che quando vanno al supermercato si trovano i prezzi degli alimentari aumentati di oltre il 10%; quindi noi dobbiamo assolutamente impedire che la siccità si trasformi in un deserto economico". Lo ha detto stamane la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, che oggi in Polesine, a Crespino (Rovigo), su invito di Confagricoltura, ha preso visione della drammatica situazione della coltivazioni dovuti alla siccità. "Sono qui - ha detto la presidente di Palazzo Madama - per raccogliere l'allarme degli agricoltori, per toccare con mano i danni della siccità in questo territorio sempre stato fertile, un granaio del Veneto", ha aggiunto la presidente del Senato. "Lo Stato — ha sottolineato Casellati - ha il dovere di andare incontro a questa grave emergenza, non solo integrando il reddito che è mancato agli agricoltor, ma anche facendo un piano che investa su opere irrigue, sugli invasi e sul sistema di canalizzazione. Occorre che con queste misure si garantisca agli agricoltori che l'acqua ci sia sempre e non si debba dire che l'acqua deve arrivare dal cielo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Berlino: una mostra per ricordare le donne della resistenza contro il nazismo