EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Fine vita: Cappato si autodenuncia, aiuteremo chi lo chiederà

'Sarà poi compito della giustizia stabilire se ciò è un reato'
'Sarà poi compito della giustizia stabilire se ciò è un reato'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 03 AGO - Il tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, è arrivato alla stazione dei carabinieri vicino a piazza Duomo per autodenunciarsi dopo avere accompagnato la signora Elena, malata terminale di cancro, al suicidio assistito in Svizzera. "Oggi mi reco alla caserma dei carabinieri per raccontare l'aiuto fornito a Elena - ha spiegato parlando con la stampa prima di entrare -, senza cui non sarebbe stato possibile arrivare in Svizzera. E spiegherò ai Carabinieri che per le prossime persone che ce lo chiederanno, se saremo nelle condizioni di farlo, aiuteremo anche loro. Sarà poi compito della giustizia stabilire se questo è un reato o se c'è la reiterazione del reato. O se c'è discriminazione come noi riteniamo tra malati". Insieme a Cappato anche l'avvocatessa Filomena Gallo, segretario della associazione Coscioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste in Bangladesh: studenti in piazza contro il governo, aumentano i morti negli scontri

Brasile, fiume pieno di pesci morti a San Paolo: colpa degli scarichi industriali

Deputata romena con la museruola cacciata dal Parlamento Ue prima di voto per von der Leyen