EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ucciso dal compagno di cella, pm dispone autopsia

Polgiust, schiaffi e calci nell'infermeria di Bancali
Polgiust, schiaffi e calci nell'infermeria di Bancali
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SASSARI, 28 LUG - La salma di Graziano Piana, il detenuto sassarese ucciso a colpi di sgabello dal compagno di cella nel carcere di Bancali la notte tra martedì e mercoledì, è stata trasferita questa mattina dall'ospedale Santissima Annunziata all'Istituto di medicina legale, dove, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica, Angelo Beccu, sarà eseguita l'autopsia. In giornata il pm affiderà l'incarico e l'esame potrebbe essere svolto già nel pomeriggio. Per il momento contro l'aggressore di Piana, Giuseppe Pisano, 27enne residente ad Austis, non risulta ufficialmente nessun provvedimento. Il giovane resta chiuso in una cella di isolamento in attesa delle decisione dell'autorità giudiziaria. Secondo una prima ricostruzione fatta dagli agenti della Polizia penitenziaria, Pisano, arrivato nel carcere di Bancali poco prima della mezzanotte di martedì, subito dopo il suo ingresso in cella avrebbe colpito Piana alla testa con un sgabello. Non è chiaro se fra i due ci sia stato prima un litigio. Piana, apparso subito in condizioni gravi, è stato trasportato dal 118 al pronto soccorso del Santissima Annunziata e poi sottoposto a un intervento chirurgico alla testa. Nel primo pomeriggio di ieri è morto. Troppo gravi le lesioni subite al capo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Riportate tutti a casa: Migliaia di persone a Tel Aviv chiedono il rilascio degli ostaggi di Hamas

Gaza, esercito Israele decide pausa di 11 ore per aiuti umanitari: governo si oppone

Russia, sequestro di guardie in un carcere a Rostov: uccisi detenuti dell'Isis da forze speciali