EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Imprenditore cade in miseria e dorme su panchina

'Vorrei solo lavorare', aiutato dai City Angels
'Vorrei solo lavorare', aiutato dai City Angels
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 20 LUG - Gli clonano la Postepay, prosciugandogli tutti i suoi risparmi e da tre settimane si ritrova a vivere per strada, ad Ancona. Le panchine di piazza Cavour sono il suo letto. E' la storia di Alexander Slonim, 62 anni, in passato traduttore e imprenditore che si occupava di import/export, nativo della Germania ma di cittadinanza italiana. "Non sono un clochard, ma mi stanno facendo vivere così - racconta all'ANSA -. Sono un imprenditore che negli ultimi mesi ha avuto molta sfortuna e quando ho chiesto aiuto alle istituzioni mi hanno detto che un posto per me nelle strutture di prima accoglienza non c'è. Cerco solo un lavoro per rimettermi in carreggiata e un appoggio per vivere dignitosamente". Slonim è rientrato in Italia cinque mesi fa, dalle Canarie. Lì aveva provato a buttarsi sul commercio di cibo italiano. "Non mi è andata bene - dice - così ho deciso di tornare in Italia, con un po' di soldi che mi hanno permesso di pagarmi da dormire e da mangiare in attesa di trovare un lavoro. Sono finito ad Ancona per caso, prendendo il primo treno che ho trovato in stazione. A giugno sono stato a Milano dove avevo un appuntamento di lavoro, che non è andato a buon fine e lì mi hanno prelevato 1.500 euro che avevo nella mia Postepay, me l'hanno clonata. Ho fatto denuncia, ma non è stato possibile risalire ai responsabili". Così il 62enne ha iniziato a vivere per strada. Cercava aiuto e ha trovato su internet l'associazione dei City Angels. I volontari di Ancona, con la referente Patrizia Guerra, lo stanno aiutando a rimettersi in piedi. "Dispiace sapere che i servizi sociali e le associazioni che fanno prima accoglienza in città non hanno trovato una sistemazione ad Alexander - osserva Guerra -, noi aiutiamo come possiamo con cibo e vestiti, ma lui vorrebbe lavorare ed essere autonomo per non pesare su nessuno". Da ieri sera una coppia che vive nella zona di Jesi, in provincia di Ancona, lo sta ospitando a casa. Slonim ha vissuto ad Udine in passato, ha fatto il traduttore, lavorando in Russia, e anche l'imprenditore nel ramo del commercio tra l'Italia e l'estero. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Donald Trump è a Milwaukee per la convention repubblicana, Biden: "No ad atti di violenza"

Le notizie del giorno | 15 luglio - Mattino

Gaza, Israele attacca una scuola gestita dall'Onu. Almeno 14 i morti