This content is not available in your region

Con criptovalute commissiona omicidio su darkweb,denunciato

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Voleva morte suo rivale in amore. Indagine Polizia con Fbi
Voleva morte suo rivale in amore. Indagine Polizia con Fbi

(ANSA) – ROMA, 13 LUG – Approfittando dell’anonimato
garantito dal darkweb, la parte oscura della Rete, aveva fatto
un pagamento in criptovalute per commissionare all’
amministratore di un sito specializzato in omicidi su
commissione, l’uccisione di un rivale in amore.La Polizia di
Stato lo ha identificato e deferito all’Autorità Giudiziaria per
minacce aggravate, attraverso complesse indagini connotate
dall’elevato contenuto tecnico. All’origine del caso, una
segnalazione delle Fbi alla Polizia postale, che in una nota
sottolinea come la parte oscura della Rete “finora ritenuta
impenetrabile, non è più tale”. Il Federal Bureau of Investigation (FBI) statunitense aveva
informato la Polizia Postale che un 45enne del trevigiano era la
potenziale vittima di un “servizio” a pagamento di omicidio su
commissione. I primi accertamenti sulla rete, effettuati dalla
Sezione Polizia Postale di Treviso, hanno permesso di dare un
nome e cognome alla vittima, che, grazie al Commissariato di
Pubblica Sicurezza di Conegliano, è stato sottoposto ad una
riservata attività di tutela per garantirne l’incolumità.
Ulteriori approfondimenti delegati dalla Procura della
Repubblica trevigiana ed effettuati dal Servizio Polizia Postale
e delle Comunicazioni e dalla Polizia Postale di Venezia, hanno
permesso di individuare importanti tracce telematiche connesse
ai pagamenti effettuati, consentendo così di risalire al
“mandante” dell’omicidio su commissione, un 34enne della
provincia di Treviso. L’uomo, segretamente innamorato della
giovane fidanzata della vittima, vedeva nel legame tra i due
l’impossibilità di essere corrisposto sentimentalmente Da qui il
piano criminale che ha preso vita nel darkweb. La successiva
attività di polizia giudiziaria delegata dalla Procura della
Repubblica di Treviso a carico del mandante l’omicidio, eseguita
dalla Polizia Postale di Venezia e di Treviso, con l’ausilio del
Commissariato di Conegliano, ha consentito di ottenere riscontri
sulle movimentazioni di denaro e di criptovalute dal portafoglio
virtuale del mandante verso quello dell’amministratore del sito
di omicidi su commissione, che al momento è solamente indagato.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.