EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

A Ancona robot umanoide contro paura bimbi sala operatoria

Storielle e canzoni a 12enne per spiegare cosa faranno i medici
Storielle e canzoni a 12enne per spiegare cosa faranno i medici
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 11 LUG - Un robot umanoide in corsia per aiutare i bambini ricoverati a superare la paura della sala operatoria. E' l'esperienza dell'ospedale materno infantile di Ancona dove oggi sono stati eseguiti due delicatissimi interventi su altrettanti piccoli pazienti dalla Divisione di Neurochirurgia generale con particolare interesse Pediatrico", guidata dal dottor Roberto Trignani. Un intervento, spiega una nota congiunta dell'Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, Regione Marche e Fondazione Ospedale Salesi onlus, è stato eseguito su un bambino pugliese di 12 anni, affetto da tumore benigno alla colonna vertebrale lombare. A spiegare al 12enne e ai suoi genitori i dettagli dell'operazione, oltre ai medici c'era anche Estrabot, il robot umanoide della Fondazione Ospedale Salesi onlus, che per la prima volta "è stato utilizzato in neurochirurgia, mentre dal 2019 viene già impiegato con successo anche in chirurgia generale" spiega Antonello Maraldo, presidente della Fondazione. Estrabot, reso operativo dal clown dottore Samuele Ialino, ha illustrato al bambino, chiamandolo per nome, la procedura chirurgica, utilizzando una 'storiella'. Cantando le canzoni preferite del 12enne, lo ha poi accompagnato in sala operatoria. "Devi immaginare la tua colonna vertebrale come una caverna - gli ha detto - dentro a cui sono custoditi i cavi elettrici che comandano le funzioni delle tue gambe, questi cavi elettrici però sono intrappolati perché si sono gonfiate le pareti della caverna, che possono rischiare di crollare. Ma non ti devi preoccupare perché Roberto e i suoi amici dottori sanno benissimo cosa fare". In sala operatoria i neurochirurghi Roberto Trignani, Michele Luzi e Roberta Benigni, con procedura chirurgica mininvasiva, hanno realizzato un'apertura della colonna vertebrale per liberare i nervi compressi. L'intervento ha coinvolto diversi specialisti tra cui il neuroradiologo Stefano Bruni, che ha eseguito una vertebroplastica. Ad Estrabot, nell'ultimo mese si è affiancata anche Sally, un altro umanoide con lo stesso obiettivo di alleviare l'ansia dei piccoli pazienti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue

La Borsa di Mosca abbandona il dollaro e l'euro: la Russia risponde alle sanzioni Usa

In Qatar fioriscono le iniziative a chilometro zero