EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Area concerti in spiaggia a Rimini,'distrutta zona protetta'

Ambientalisti, ultimo fratino ucciso, danni all'ambiente marino
Ambientalisti, ultimo fratino ucciso, danni all'ambiente marino
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - RIMINI, 06 LUG - Il fratino è una specie a rischio e da 15 anni ha scelto la riviera riminese per la nidificazione, tant'è che sulla spiaggia libera di Miramare, di fronte alla ex Colonia Bolognese, vi era un'area protetta con tanto di cartelli e recinti per i nidi. Area che le ruspe hanno cancellato a inizio estate per fare spazio a un'arena per concerti. Il Comune ha infatti messo a disposizione la spiaggia per gli eventi della Rimini Beach Arena gestita dai titolari di alcune discoteche della zona. "Era un'area meravigliosa, ricca di biodiversità, con dune create col tempo e tanta vegetazione - spiega l'ornitologa dell'associazione Asoer Roberta Corsi - è una zona soprattutto importante per la nidificazione del fratino". La vegetazione, infatti, dava all'uccello trampoliere una via di fuga dall'uomo e dai cani senza guinzaglio. Anche l'ultimo esemplare è morto. "Purtroppo il fratino non ce l'ha fatta - afferma l'ornitologa - perché è nato tre giorni prima dei lavori di livellamento, spianamento e distruzione totale dell'habitat naturale e quindi di tutta la biodiversità". Ma i danni riguardano anche il mare. Secondo il presidente della Fondazione Cetacea, Sauro Pari, i concerti, con la musica ad alto volume, hanno ripercussioni sull'ambiente marino "gravissime, perché di fatto i rumori sott'acqua si propagano a una velocità che è quattro volte superiore a quella dell'aria e quindi possono arrivare anche a qualche chilometro di distanza disturbando le popolazioni ittiche". Il Comune non commenta la vicenda. Al danno ambientale denunciato dalle associazioni si aggiunge anche la sottrazione al pubblico di una delle poche spiagge libere della riviera che di fatto, prosegue Pari, "è stata privatizzata per due mesi e tolta, scippata, ai cittadini che venivano qui gratuitamente a fare il bagno e a prendere il sole. Anche perché ormai i bagni costano davvero tanto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen