This content is not available in your region

Jova Beach a rischio per sciopero Vvf, per Lavevaz è forzatura

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Presidente Vda, spero situazione potrà rientrare col buon senso
Presidente Vda, spero situazione potrà rientrare col buon senso

(ANSA) – AOSTA, 02 LUG – “Trovo veramente un po’ una
forzatura questo atteggiamento rispetto a un evento importante
per tutta la Regione. Ne prendo atto e vedremo la prossima
settimana, come io credo, se col buon senso questa situazione
potrà rientrare”. Così il presidente della Regione autonoma
Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, commenta all’ANSA la proclamazione
di uno sciopero del Corpo valdostano dei vigili del fuoco da
parte del Conapo e della Fp Cgil per il 13 luglio prossimo, in
concomitanza con il Jova Beach party in programma a Gressan
(Aosta). “Conosciamo da tempo” la questione dei vigili del fuoco
valdostani. “Quello che è un po’ fuori luogo – prosegue Lavevaz
- è questa forzatura. E’ un aspetto di cui si parla da
tantissimi anni: ora che siamo finalmente in fase di chiusura di
tutti i passaggi, sia con la Commissione paritetica sia sulle
questioni previdenziali, questa forzatura la trovo un pochettino
inopportuna. Quindi io credo che potrà rientrare. Abbiamo
convocato i sindacati già mercoledì, per un confronto anche
riguardo al tema del del Corpo forestale della Valle d’Aosta, in
modo da mettere tutti a conoscenza degli ultimi aggiornamenti di
queste settimane. Sono due dossier che stanno andando avanti in
maniera corretta. Soprattutto quello dei vigili del fuoco è in
fase di chiusura, quindi io credo che nella prossima riunione
della Commissione paritetica” convocata il 14 luglio “verrà
licenziata la norma di attuazione”. Da tempo i vigili del fuoco
valdostani chiedono un’equiparazione previdenziale ai loro
colleghi del Corpo nazionale e adeguamenti normativi,
ordinamentali ed economici al loro contratto. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.