Siccità: Anbi, 80% E-R in due settimane in zona rossa

Situazione resta grave in Veneto, Friuli, Lombardia, Piemonte
Situazione resta grave in Veneto, Friuli, Lombardia, Piemonte
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 30 GIU - "E' situazione di crisi idrica profonda in Emilia-Romagna", dove le portate dei fiumi continuano a scendere (Reno con 0,1 mc./sec, Enza 1,1 mc./sec. che segnano il minimo storico) e "l'80% della regione pare destinato ad entrare in zona rossa entro un paio di settimane (accadde già nel 1990)". Lo sottolinea l'Osservatorio Anbi. Situazione di deficit costante per i fiumi veneti con l'unica eccezione del Piave; sono al minimo le altezze idrometriche di Adige (dal 2014) e Livenza (dal 2017). In Friuli, inoltre, sono stati necessari rilasci dal bacino dell'Ambiesta per rimpinguare il fiume Tagliamento, mentre il razionamento irriguo è in atto in alcune zone centrali a causa delle falde troppo basse. In Piemonte le piogge sono state a 'macchia di leopardo': più abbondanti sul bacino del fiume Sesia, meno intense su quello del Tanaro. I flussi in alveo sono in leggera in crescita, ma non permettono ai fiumi della regione di uscire dallo stato di estrema crisi: Maira, Ellero, Orba e Bormida hanno portate quasi azzerate. In Lombardia continuano a calare, restando deficitarie, le portate dei fiumi Brembo ed Adda, al minimo in anni recenti (162 mc/sec); le riserve idriche segnano -62,7% rispetto alla media storica e -66,54% sull'anno scorso. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parigi: crollano le pale dell'iconico Moulin Rouge, nessun ferito

Portogallo: a 50 anni dalla rivoluzione, i garofani stanno appassendo?

Le notizie del giorno | 25 aprile - Pomeridiane