EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Sversamento e combustione rifiuti, 8 misure cautelari a Gela

In discarica è emersa la presenza di metalli pesanti e amianto
In discarica è emersa la presenza di metalli pesanti e amianto
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GELA, 29 GIU - Otto persone sono state raggiunte da misure cautelari per i reati, contestati a vario titolo, di combustione e sversamento illecito di rifiuti, ricettazione e violazione di sigilli. Ad eseguire il provvedimento, su delega della Procura, il commissariato di pubblica sicurezza di Gela (Caltanissetta) in applicazione di un'ordinanza di applicazione di misure cautelari personali e reali, emessa dal gip. In tutto sono 14 le persone indagate: per quattro di loro è scattato l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, tre volte a settimana con l'ulteriore prescrizione di non lasciare l'abitazione nelle ore notturne dalle 21.30 alle 6; per altri quattro indagati è stata disposta la misura cautelare del sequestro preventivo di sette mezzi pesanti, utilizzati allo stato degli accertamenti preliminari, senza le prescritte autorizzazioni, per il trasporto, sversamento e abbandono del materiale di scarto proveniente da attività agro-industriali su un fondo privato dove era stata allestita la discarica abusiva. Altre sei persone sono indagate a piede libero. Le condotte contestate avvenivano, in relazione ad alcuni degli indagati, nell'esercizio dell'attività di impresa nel settore dello smaltimento dei rifiuti; per questo motivo il gip del tribunale di Gela ha applicato la misura cautelare della sospensione delle autorizzazioni, licenze, concessioni per il trasporto e la trattazione a qualunque titolo dei rifiuti nei confronti della società coinvolta. Nel corso delle indagini è emerso inoltre che gli indagati riuscivano a trarre ulteriori importanti profitti attraverso la rivendita del materiale ferroso ricavato dai cumuli di rifiuti date alle fiamme, motivo per cui viene contestato il reato di ricettazione anche nei confronti di un imprenditore operante nel territorio di Niscemi. Da approfondimenti effettuati in collaborazione con l'Arpa, sul materiale di derivazione agro-industriale che veniva smaltito, è emersa la presenza in discarica di metalli pesanti ed amianto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: tensione tra Israele e Hezbollah, Cuba si unisce alla causa del Sudafrica

Enrico Letta potrebbe essere l'asso nella manica di Macron nel gioco dei vertici dell'Ue contro l'estrema destra

Svizzera: in carcere per sfruttamento i membri della famiglia miliardaria Hinduja