EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ruby ter: senatrice Rossi, per me 10 anni di gogna e dolore

'Anche per i miei cari e per mio figlio, gli chiedo scusa'
'Anche per i miei cari e per mio figlio, gli chiedo scusa'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 29 GIU - "Sono dieci anni che vivo una condizione da imputata e la ritengo una vicenda assurda e soprattutto dolorosa che non ha colpito solo la mia persona, ma ha colpito anche tutti i miei cari, la mia famiglia e mio figlio, l'unica persona a cui sento di dover chiedere scusa per avergli fatto vivere questi anni della sua adolescenza nel turbine di un fango mediatico e nel pregiudizio di un sistema che ha coinvolto sua madre". Così si è espressa con i cronisti, in una pausa dell'udienza sul caso Ruby ter, la senatrice Maria Rosaria Rossi, presente oggi in aula per assistere alle arringhe dei suoi legali, che nel chiedere l'assoluzione hanno sostenuto che lei "è stata messa alla gogna per 10 anni". "Ho ritenuto di essere presente qui oggi per il rispetto di questo Tribunale e per la condizione dell'attività istituzionale che svolgo - ha aggiunto l'ex assistente di Silvio Berlusconi - Io sono accusata per falsa testimonianza per dichiarazioni che risalgono esattamente a 10 anni fa". E ha concluso: "Resto fiduciosa che questo Tribunale riconosca la mia innocenza e che pronunci sentenza di assoluzione nei miei confronti". A chi le ha chiesto come siano ora i suoi rapporti con Berlusconi, la senatrice ha risposto: "Buoni come sempre". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Taiwan, giura nuovo presidente Lai: "Indipendenza vicolo cieco" avverte la Cina

Guerra in Ucraina: almeno dieci civili morti a Kharkiv, Kiev colpisce raffineria di petrolio russa

Proteste in Nuova Caledonia: i motivi delle accuse della Francia all'Azerbaijan