EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ribaltone a Lucca, centrodestra unito vince con Pardini

A Carrara larga vittoria di Serena Arrighi e del Pd
A Carrara larga vittoria di Serena Arrighi e del Pd
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 27 GIU - Vince in volata in piena notte a Lucca - e provoca il ribaltone a favore del centrodestra -, l'imprenditore Mario Pardini, 49 anni, che in ore di polemiche sui moderati divisi e perdenti in Italia, qui dà l'eccezione che conferma la regola. Pardini ha saputo riunire con sé voti di centro, di destra e pure di estrema destra come Casapound. Erano consensi sparsi al primo turno in altre candidature. Pardini (51,03%) ha dato due punti di scarto sull'uomo Pd-Sinistra- Verdi Francesco Raspini (48,97%), che pure ha ricevuto energiche investiture sul campo dal suo leader di partito Enrico Letta e anche da Carlo Calenda, venuti a Lucca a sostenerlo di persona, oltreché da un appello di intellettuali. Invece Pardini porta in Comune una maggioranza molto connotata: oltre a Fdi, Lega, Fi, Udc, alla sua civica, dovrà tener conto del sostegno di candidati che si erano presentati con liste civiche di destra e di movimentismi trasversali della galassia No vax e No pass. Inoltre Pardini aveva ricevuto indicazione di voto dal direttore di orchestra Alberto Veronesi, candidato con Rinascimento Sgarbi, Iv +Europa e Azione al primo turno. A Carrara larga vittoria della sinistra con Pd, Pri, Europa Verde e Sinistra Civica Ecologista che hanno sostenuto dall'inizio Serena Arrighi, 50 anni, imprenditrice nell'informatica. Arrighi chiude la parentesi di una giunta comunale Cinque Stelle. Ha prevalso col 57,79% (12.468 voti) sul candidato del centrodestra Simone Caffaz (Lega, Fdi, Fi, Socialisti, liste civiche) fermo al 42,21% (9.106 voti), al quale non è servito il sostegno di Cosimo Ferri (sostenuto da Italia Viva-Psi aveva preso il 15% al primo turno), decisione che ha acceso polemiche nel centrosinistra. Il Movimento 5 Stelle aveva lasciato libero il proprio elettorato di scegliere se andare o meno a votare e il Psi (scissosi da Cosimo Ferri di Italia Viva che aveva indicato di votare Caffaz) aveva formalmente dichiarato di preferire Serena Arrighi alla destra. "Da oggi - ha detto Arrighi - iniziamo a scrivere insieme un nuovo capitolo di Carrara. Le persone hanno premiato la nostra coerenza, e quella di un progetto che non abbiamo voluto inquinare con logiche puramente matematiche". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: nuovi aiuti dagli Stati Uniti, il G7 valuta di finanziare Kiev con i beni russi

Papua Nuova Guinea: frana provoca oltre cento morti

Guerra a Gaza: l'Italia stanzia 5 milioni di euro per l'Unrwa