EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Consulta: decreto 'secretato', respinto ricorso parlamentari

Cub, cessione Alitalia a Ita in base a oscure decisioni Ue
Cub, cessione Alitalia a Ita in base a oscure decisioni Ue
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 23 GIU - Se il diritto di conoscere ciò che si vota è leso, non è il singolo parlamentare che può ricorrere ma solo l'assemblea. E' questo, in sintesi, il principio espresso dalla Corte costituzionale in relazione a un ricorso sull'attribuzione dei poteri dello Stato presentato fra gli altri dal senatore Gregorio De Falco e dal deputato Stefano Fassina. Il contendere era l'.art.7 del decreto legge, del settembre scorso, su infrastrutture e trasporti fra cui la cessione di beni, flotta compresa, da Alitalia a Ita Airways ritenuta coerente con le decisioni della Commissione europea. Decisioni - secondo i ricorrenti - 'secretate'. L'ordinanza della Consulta è contestata dalla Cub Trasporti - che ha diffuso il testo pubblicato sul sito della Corte Costituzionale - che insieme ai sindacati Navaid e Usb ha promosso la presentazione del ricorso dei parlamentari. In particolare la Cub contesta "il decreto ad hoc che tenta di aggirare l'obbligo del passaggio dei lavoratori da Alitalia a Ita legittimando che solo 2 mila dipendenti su 10 mila hanno ottenuto il posto di lavoro con danni enormi per Fiumicino, Linate e Malpensa; ora in Ita i dipendenti sono saliti a circa 3 mila per assunzioni decise autonomamente dalla Compagnia". Antonio Amoroso, segretario nazionale di Cub Trasporti, ha denunciato che "è incredibile che i parlamentari votino, per giunta una fiducia al Governo, senza disporre dei testi che in questo caso fanno riferimento a decisioni della Commissione trasporti Ue secretati". "Ancora più assurdo è che la Consulta - ha concluso - sostenga che i parlamentari erano informati dalla lettura dei comunicati stampa pubblicati dalla Commissione Ue". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Roma: scavi fino a 85 metri per il prolungamento della metropolitana C

Spagna: crolla la terrazza di un ristorante a Maiorca, morti e feriti

Elezioni europee: von der Leyen apre a un accordo con Meloni