This content is not available in your region

Davanti a liceo Perugia, forse ci sarà Verga

Access to the comments Commenti
Di ANSA
E tra le tracce spunta proprio una sua novella
E tra le tracce spunta proprio una sua novella

(ANSA) – PERUGIA, 22 GIU – Avevano ipotizzato Giovanni Verga
come una delle possibili tracce della prova scritta d’italiano
che ha aperto la maturità e così è stato. A centrare la
previsione sono stati alcuni studenti del liceo scientifico
Galeazzo Alessi di Perugia. Nell’attesa di entrare in aula,
vocabolario di italiano alla mano, non hanno infatti resistito a
provare a indovinare quali potevano essere le tracce che si
sarebbero trovati di fronte da lì a poco. “Forse Verga per i 100 anni dalla morte – azzardano i ragazzi
- o Pasolini per i 100 anni dalla nascita. Molti dicono
D’Annunzio per il collegamento con la guerra. Altri Falcone e
Borsellino per i 30 anni dalla strage”. E una delle sette tracce della prova scritta ha riguardato
proprio una novella di Giovanni Verga, “Nedda, Bozzetto
siciliano”. Agli studenti in questi mesi sono state fatte fare varie
simulazioni di esame. “Penso che comunque per noi che siamo i
primi dopo il Covid a rifare le prove scritte sia una cosa
abbastanza dura” spiega Francesco. “La didattica a distanza – ha
aggiunto – ha reso tutto un po’ più pesante, non tanto per il
tema quanto per la seconda prova. Con la Dad non è stato
possibile fare il programma esattamente come si sarebbe dovuto e
quindi ci troviamo un po’ più in difficoltà.Penso comunque che
sia positivo il fatto che le mascherine siano facoltative come
in tanti altri luoghi, come i supermercati ad esempio. Se le
vogliamo mettere le mettiamo altrimenti no. Alla fine i banchi
sono distanziati quindi non credo che ci sia tutto questo
bisogno”. “E’ una forte emozione che credo vada provata – afferma invece
Aurora-. Certo, forse partiamo svantaggiati perché sicuramente
il Covid e la Dad non ci hanno aiutato. All’inizio ero contraria
alla rintroduzione delle prove scritte ma devo dire che oggi
sono contenta. E’ una bella esperienza che va provata”. In molti dicono di non aver chiuso occhio la notte scorsa per
l’emozione. Altri invece spiegano di essersi addormentati presto
per la stanchezza accumulata in questi giorni. Tutti si dicono
pronti ad affrontare la sfida. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.