Scuola: discusso ricorso su mascherine esami,attesa sentenza

Del Tar nei prossimi giorni. Dal Codacons questione legittimità
Del Tar nei prossimi giorni. Dal Codacons questione legittimità
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 07 GIU - Potrebbe essere deciso direttamente con sentenza il ricorso amministrativo con il quale si sollecita il Tar del Lazio a decidere se gli esami di maturità e di terza media dovranno essere sostenuti dagli studenti indossando la mascherina. Oggi, davanti alla terza sezione quater del tribunale amministrativo, è stato discusso in camera di consiglio il ricorso proposto dal Codacons per chiedere la sospensione dell'ordinanza con la quale il Ministero della Salute il 28 aprile scorso ha disposto l'obbligo per gli studenti d'indossare la mascherina FFP2 negli ambienti scolastici. Secondo quanto si è appreso, l'associazione di consumatori ha sollevato questione di legittimità costituzionale del Decreto-legge 52/2021 che, il 22 aprile scorso, ha disposto "Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da Covid-19". In sostanza, l'impugnativa del Codacons è incentrata sul fatto che nel provvedimento si prevede l'obbligo di mascherina a scuola, "senza che tale obbligo sia previsto anche per i lavoratori in genere". Seppur non escluso che il Tar decida con ordinanza, a fine udienza di oggi si è fatto largo l'ipotesi che i giudici emettano nei prossimi giorni direttamente una "sentenza in forma semplificata". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Ue, Grecia: disoccupazione alta e salari bassi preoccupano i giovani

Le notizie del giorno | 17 aprile - Serale

L'Ue chiede il rilascio di un suo dipendente svedese detenuto in Iran da due anni