EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Neonato ustionato dai genitori a Portici, scarcerato il padre

Coinvolti proprietari area, dipendenti comunali e titolari club
Coinvolti proprietari area, dipendenti comunali e titolari club
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 04 GIU - E' stato scarcerato Concetto Bocchetti, 46 anni, insieme con la ex compagna Alessandra Terracciano, di 36 anni, condannato lo scorso febbraio a sei anni di reclusione in quanto ritenuto colpevole dell'abbandono e delle lesioni colpose inflitte al figlio, Vincenzo, il bimbo venuto alla luce in un'abitazione di Portici, in provincia di Napoli il 16 marzo dello 2021 e trovato in fin di vita 4 giorni dopo la nascita, con evidenti segni di ustione. A deciderlo - malgrado il parere contrario espresso dalla Procura di Napoli - è stata la sesta sezione penale del Tribunale di Napoli (collegio B) che ha accolto l'istanza presentata dal legale di Bocchetti, l'avvocato Fabio Della Corte. I giudici hanno contestualmente disposto gli arresti domiciliari per l'uomo. La decisione è stata adottata, spiega l'autorità giudiziaria, in considerazione, tra l'altro, del ruolo svolto da Bocchetti nella triste vicenda, "...sottodimensionato rispetto a quello della coimputata Terracciano Alessandra...", in considerazione del fatto che il 46enne ha già "...sofferto un periodo di carcerazione pari a oltre un anno e due mesi..." e anche tenendo conto che "...l'originaria imputazione di lesioni volontarie gravissime è stata modificata in quella colposa...". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mandati d'arresto per Netanyahu e Gallant, l'Unione europea si divide

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera

Piano Ruanda, l'Austria elogia il Regno Unito: insieme per modificare il sistema legale europeo