This content is not available in your region

Tagliava Imu e Tari a parenti, sospeso dipendente comunale

Access to the comments Commenti
Di ANSA
A Palermo,'sconti' anche ad amici. Indagine nucleo Pef della Gdf
A Palermo,'sconti' anche ad amici. Indagine nucleo Pef della Gdf

(ANSA) – PALERMO, 31 MAG – Avrebbe registrato pagamenti di
Imu o Tari non avvenuti o riduceva gli importi dovuti senza
giustificazioni documentali a familiari e amici, procurando un
mancato incasso di circa 16mila euro. E’ l’accusa contestata
dalla Procura a un dipendente dell’ufficio Tributi del Comune di
Palermo. L’uomo, indagato per frode informatica e accesso
abusivo al sistema informatico, è stato sospeso un anno
dall’esercizio del pubblico ufficio. Il provvedimento, emesso
dal Gip, è stato eseguito da militari della guardia di finanza
del comando provinciale.
Le indagini dell’operazione ‘Sconto d’imposta’ dei militari del
nucleo di Polizia economico-finanziaria sono state avviate dopo
la segnalazione arrivate dal Comune di Palermo sulla banca dati
“Sige Fluendo” utilizzata per la gestione dei pagamenti dei
tributi di Imu e Tari. L’inchiesta si è avvalsa anche di
intercettazioni telefoniche e servizi di osservazione. Secondo
l’accusa il dipendente comunale avrebbe registrato versamenti e
pagamenti mai avvenuti e ridotto gli importi dovuti senza
giustificazioni documentali. Gli investigatori avrebbero
riscontrato un rilevante numero di accessi abusivi al sistema
informatico del Comune, effettuati per ridurre o annullare
l’imposizione fiscale Imu o Tari di familiari e a conoscenti
dell’impiegato. Il dipendente comunale, contesta l’accusa,
avrebbe proseguito con i ‘tagli alle tasse’ anche quando, dopo
un procedimento disciplinare, era stato trasferito in un altro
ufficio. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.