EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Caro gasolio: pescherecci Fiumicino fermi in porto

Di nuovo stato di agitazione, 'costi gestione proibitivi'
Di nuovo stato di agitazione, 'costi gestione proibitivi'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Come preannunciato ieri sera, tutti fermi da oggi all'ormeggio nel porto canale gli oltre venti pescherecci, oltre alle imbarcazioni da piccola pesca, di Fiumicino. Contro il caro gasolio e le problematiche della categoria, anche la prima marineria nel Lazio per quantitativo di pescato e la seconda per numero di imbarcazioni dopo Anzio, è entrata infatti di nuovo in stato di agitazione, dopo le proteste già messe in atto a marzo scorso: un fermo ad oltranza finchè non ci saranno risposte "soddisfacenti dal Governo" visto che i "costi gestionali sono ormai proibitivi". Non sono escluse altre iniziative unitarie con le altre marinerie del Lazio. Se il fermo proseguirà per molti giorni, non è escluso che, come accaduto in marzo, ristoranti, pescherie ed attività all'ingrosso debbano ricorrere a scorte o a prodotti d'importazione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 30 maggio - Serale

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento

Difesa: chi sarà il prossimo segretario generale della Nato