Sventati attacchi informatici all'Eurovision Song Contest

Polizia, tentativi hacker durante serata inaugurale e finale
Polizia, tentativi hacker durante serata inaugurale e finale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 15 MAG - Attacchi informatici "provenienti dell'estero" all'Eurovision Song Contest 2022 sono stati sventati dalla Polizia di Stato. Gli hacker hanno provato a infiltrarsi nella serata inaugurale e durante la finale di ieri sera. L'attivazione di una sala operativa dedicata all'evento di Eurovision nella quale tecnici e poliziotti specialisti del Cnaipic (Centro Nazionale Anticrimine Informatico Protezione Infrastrutture Critiche) della Polizia Postale hanno lavorato fianco a fianco h24, ha permesso la neutralizzazione attacchi informatici del collettivo di killnet e la sua propaggine "Legion". Sono stati mitigati in collaborazione con la direzione Ict Rai e Eurovision TV - viene spiegato dalla Polizia - diversi attacchi informatici di natura Ddos diretti verso le infrastrutture di rete durante le operazioni di voto e l'esibizione canora. Dall'analisi delle evidenze sono stati individuati dal Cnaipic della Polizia Postale numerosi 'Pc-zombie' utilizzati per l'attacco informatico'. Le ulteriori analisi e approfondimenti hanno delineato la mappatura geografica degli attacchi provenienti dall'estero. L'attivita' info-preventiva condotta dal personale del Cnaipic della Polizia Postale sulla base dell'analisi delle informazioni tratte a partire dai canali telegram del gruppo filo-russo, ha consentito anche 'di desumere importanti informazioni di sicurezza, già condivise con la Rai per la prevenzione di ulteriori eventi critici. La sala operativa del Cnaipic ha svolto più di 1000 ore di monitoraggio con oltre 100 specialisti della Polizia Postale. E' stata monitorata l'intera rete e analizzati miliardi di dati informatici provenienti anche dalle diverse piattaforme social. Durante le attività - conclude la Polizia - sono state eseguite milioni di analisi di dati relativi agli IP di compromissione che hanno consentito di emanare importanti procedure, grazie alle quali gli attacchi sono stati 'mitigati e respinti'. . (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista

Accoltellamento in Australia, all'eroe francese un visto di residenza permanente

Ritiro delle truppe dal Karabakh dove i russi erano forza di pace