EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Covid: Bolzano e Trento, basta mascherine a scuola

Lettera congiunta ai ministri Bianchi e Speranza
Lettera congiunta ai ministri Bianchi e Speranza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLZANO, 12 MAG - Bolzano e Trento dicono "basta mascherine nelle aule scolastiche" e per questo motivo i due assessori all'istruzione Philipp Achammer e Mirko Bisesti hanno scritto ai ministri Patrizio Bianchi e Roberto Speranza. "In qualità di assessori delle Province autonome di Trento e Bolzano, con deleghe in materia di istruzione, vista la nostra storia di autonomia, di sguardo rivolto all'Europa dove è venuto meno da tempo l'obbligo di indossare le mascherine nelle aule scolastiche e sottolineando, in virtù della nostra autonomia, la ferma volontà di dare un segnale chiaro e positivo alle comunità scolastiche e in particolare ai più piccoli chiediamo, come già avvenuto in precedenza, a meno di un mese dalla fine delle lezioni, che i nostri studenti, di ogni ordine e grado, siano esonerati dall'uso dei dispositivi di protezione all'interno degli ambienti scolastici, nelle modalità ritenute più consone dai vostri ministeri", scrivono i due assessori. "Questo grazie anche al lavoro svolto in questi due anni di pandemia dove tanto si è investito nel mondo della scuola per garantire più organici e più classi con il fine del valore per noi fondamentale della scuola in presenza", conclude la lettera. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Europee, ultimo sondaggio prima del voto: il Parlamento vira a destra, ma la maggioranza è incerta

L'Europa che voglio: tasse e giustizia fiscale, cosa farei da europarlamentare